Attenzione: il fumo puņ nuocere alla salute e se sei minore non devi assolutamente fumare

   I PRODOTTI
   IL CATALOGO
   i sigari
   le pipe
   i tabacchi
   gli accessori
   LE NOVITÀ
   concessionario pipe

   Guida del fumatore: i sigari


L'accensione

C’è chi riscalda il sigaro per tutta la sua lunghezza prima dell’accensione. Un tempo questa pratica si usava per eliminare il gusto della gomma per incollare il sigaro. Oggi la colla vegetale è praticamente inodore, perciò bisogna riscaldare soltanto il piede del sigaro prima di portarlo alle labbra, per creare il focolare e fare in modo che la prima boccata di fumo sia libera dai leggeri residui di vapore.
Che fiamma usare per l’accensione? A parte lo Zippo a benzina e i fiammiferi di zolfo e di cera, vanno bene tutte le fiamme sviluppate. Io preferisco le cosiddette fiamme direzionali, quelle antivento, per intenderci, che permettono l’accensione del sigaro con una precisione millimetrica. La fiamma, comunque, deve essere piccola e tenuta obliquamente a circa un centimetro dal piede. Il sigaro si accende facendolo ruotare sulla fiamma e agitandolo un pochino in aria per far passare l’ossigeno, invece di tirare piccole boccate dallo stesso mentre lo accendo. Vedo già qualche purista che arriccia il naso, come a dirmi che il mio è solo un vezzo, un’affettazione! E’ vero, lo scopo è sempre quello di ottenere un anello di combustione perfettamente regolare e ben distribuito su alcuni millimetri di profondità, con una velocità di combustione ben calibrata, che sia crescente dall’interno alla sottofascia, e dalla sottofascia alla capa (fino a che il focolare si stabilirà da solo), ma perdiana! Questo mio bel sigaro andrà in fumo tra poche ore, e se contribuisce alla buona riuscita della degustazione anche un’operazione mistica come il cacciare gli spiriti dell’aria, chi mi potrà distogliere dal fare tutto quello che mi passa per la testa?
C’è anche chi accende il sigaro con una fascetta di legno di cedrella, cui vengono attribuiti profumi particolari: va bene, fa parte della summenzionata mistica della fumata ( il cedro, infatti, insaporisce il sigaro durante l’invecchiamento, non durante l’accensione), abbiate solo cura che non sviluppi una fiamma troppo alta, per evitare il surriscaldamento. Insomma, un sigaro deve essere acceso né troppo lentamente né troppo velocemente, ma con regolarità e a piccole boccate. Se l’accensione sarà riuscita, il focolare sarà regolare e ben distribuito.


<< >>

 GUIDA DEL FUMATORE  
i sigari   
le pipe   
i tabacchi   
pubblicazioni   
L'AGENDA   
eventi ed iniziative